CRONACA

DALLE STELLE ALLE STALLE/ UN "CONTE" RICERCATO DA DUE ANNI PER TRUFFA ALL'UNIONE EUROPEA ESTRADATO IERI DALLA FRANCIA E ORA IN CARCERE A SANREMO

Giuseppe De Capitani Di Vimercate ha truffato la Comunità Europea per ben 35 anni

Stampa Home
Articolo pubblicato il 18/06/2017 alle ore 08:24.
DALLE STELLE ALLE STALLE/  "CONTE" RICERCATO DA DUE ANNI PER TRUFFA ALL'UNIONE EUROPEA ESTRADATO IERI DALLA FRANCIA E ORA IN CARCERE A SANREMO 6
DALLE STELLE ALLE STALLE/ "CONTE" RICERCATO DA DUE ANNI PER TRUFFA ALL'UNIONE EUROPEA ESTRADATO IERI DALLA FRANCIA E ORA IN CARCERE A SANREMO 6

SANREMO - E' stato portato ieri in carcere a Sanremo il conte Giuseppe de Capitani di Vimercate di 68 anni. L'uomo , in possesso dell'arti sonante titolo nobiliare è di Genova dove possiede diversi appartamenti e palazzi con proprietà anche in Piemonte

Chissà cosa avrebbero pensato i suoi avi nel vedere Giuseppe De Capitani di Vimercate rinchiuso in una cella. Il conte con il vizietto per la truffa è stato arrestato lo scorso3 giugno e ieri estradato in Italia.

Un uomo grande e grosso, da quanto riferiscono le cronache ma che di lavorare pare non avesse un granchè voglia. Forse perchè si era reso conto che la truffa era molto più redditizia. Circa 35 anni di "onorata carriera" tra fondi ricevuti dalla Comunità Europea e mai untilizzati, attività imprenditoriali che esistevano solo sulla carta ma che in realtà nessuno aveva mai toccato con mano. 

L'uomo o meglio dire "il grande e grosso uomo delle truffe" aveva deciso di scegliere come propria dimora la Francia e quando i gendarmi si sono recati a casa sua lui non ha battuto ciglio, con l'eleganza tipica di un conte, ma avrebbe solo fatto notare come le sue condizioni di salute diabete e mal di cuore a quanto sostiene, non sarebbero state consoni alla vita in una cella.

Già perchè il conte amava folleggare tra Juan les Pins e Montecarlo con uno stile di vita degno del suo titolo. Già una decina di anni fa il De Capitani di Vimercate era finito in tribunale per altre truffe.

E' proprio vero, l'abito non fa il monaco 

Insieme a lui, contestualmente,  ma per altri reati. è stato estradato ieri anche il 38enne napoletano Alessandro Ruggiero, già condannato per omicidio nel 2015 e poi rilasciato. Il giovane faceva parte della cosiddetta "Banda dei Rolax" che operava nel nord Italia

Leggi qui altre notizie de la-riviera.it

Territori

Cronaca

Cultura

Economia

Sanità

Politica